Ostruzione uretrale nel gatto

Anubis ostruzione uretrale

Ostruzione uretrale nel gatto

L’ostruzione uretrale è una patologia piuttosto comune che colpisce soprattutto il gatto maschio e che, se non trattata precocemente, mette in grave pericolo la vita dell’animale.
Perché al gatto maschio? E quali sono le cause?
Il gatto, rispetto ad altri animali di dimensioni simili come per esempio cani piccoli, ha il pene e l’uretra (il condotto che collega la vescica con l’esterno) di dimensioni molto ridotte.
Inoltre il maschio, rispetto alla femmina, ha l’uretra più lunga e stretta: per questo motivo avrà meno frequentemente risalita di batteri e quindi cistiti, ma si ostruirà molto più facilmente.
I soggetti maggiormente predisposti sono obesi, che fanno poca attività, mangiano prevalentemente secco ed hanno pregressi problemi urinari, ma tutti i gatti sono potenzialmente a rischio.
Le cause possono essere molteplici:
• Presenza di piccoli calcoli
• Coaguli o cristalli frammisti a materiale presente in vescica
• Spasmo, ovvero contrazioni involontarie del tratto urinario
In alcuni casi vi è una cistite sostenuta da batteri, ma nella maggior parte dei casi la causa primaria è un’errata alimentazione o spessissimo lo stress. I gatti infatti sono animali che si stressano per motivi che a noi possono sembrare banali: ad esempio per l’introduzione di un altro gatto, cambio di casa, in alcuni casi addirittura basta cambiare posto alla lettiera o non pulirla bene!

IMMAGINE

Quali sono i sintomi?
Anche se talvolta possono essere mascherati, tipicamente il gatto presenta questi sintomi:
• Entra ed esce dalla lettiera, si mette in posizione, ma senza produrre urina o solo poche gocce ematiche
• vocalizza ed ha un comportamento nervoso
• si lecca le parti intime
• vomita e/o rifiuta il cibo
• nei casi più gravi è abbattuto e molto disidratato

Cosa può fare il proprietario?
Se notate alcuni di questi sintomi, la cosa migliore è portare immediatamente il gatto dal veterinario in quanto la situazione può evolvere rapidamente.
Il medico, dopo una visita approfondita, valuterà la distensione della vescica che in alcuni casi può essere enorme e sottoporrà il paziente ad esami del sangue per valutare l’entità del coinvolgimento renale.
Successivamente, dopo aver stabilizzato il paziente, procederà con la disostruzione uretrale e l’applicazione del catetere urinario in sedazione.
Dopo un ricovero nella maggior parte dei casi di 48-72 ore in cui dovrà tenere il catetere e in cui verranno eseguiti l’esame delle urine e l’ecografia alle vie urinarie per scoprire la causa dell’ostruzione, il gatto potrà essere dimesso con alcune terapie e un cibo specifico per ristabilire la piena integrità delle vie urinarie.
Essendo tale patologie spesso causata da motivi alimentari e soprattutto da stress, è importante intervenire su questi fattori. Con l’aiuto del Medico Veterinario si cercherà quindi di trovare la causa che ha scatenato l’ostruzione e si metteranno in atto delle misure al fine di prevenire al massimo le recidive.
A questo proposito ricordiamo infatti che la nostra è stata la prima clinica in Italia ad essere certificata Cat Friendly  ovvero a misura di gatto sia da un punto di vista strutturale (sala d’aspetto separata dai cani, allestimento dei box in degenza…), sia per quanto riguarda la formazione e il modo di approcciarsi ai pazienti da parte dello staff. Questa nostra impostazione ci permetterà di fornirvi i migliori consigli sulla gestione del micio, ma anche di minimizzare lo stress durante le procedure cliniche e il ricovero.